Sa., 18. Sept. | Boschetto Ciani

GIUSTIZIA RIPARATIVA

Durante questo incontro dialogheranno insieme, raccontando il loro percorso, la figlia dell’ex presidente Dc, Agnese Moro, gli ex brigatisti Adriana Faranda e Franco Bonisoli, coinvolti nel sequestro dello statista, e Giorgio Bazzega figlio del maresciallo di pubblica sicurezza Sergio Bazzega.
GIUSTIZIA RIPARATIVA

Orario & Sede

18. Sept., 11:00
Boschetto Ciani, 6900 Lugano, Svizzera

L'evento

Agnese Moro, Adriana Faranda, Franco Bonisoli, Giorgio Bazzega 

La Giustizia riparativa è un percorso nel quale vittima e responsabile cercano insieme di rimarginare una ferita. Il dialogo e l’incontro come strumenti luminosi per rileggere la propria storia, affrontare il passato e guardare con fiducia al futuro. Durante questo incontro dialogheranno insieme, raccontando il loro percorso, la figlia dell’ex presidente Dc, Agnese Moro, gli ex brigatisti Adriana Faranda e Franco Bonisoli, coinvolti nel sequestro dello statista, e Giorgio Bazzega figlio del maresciallo di pubblica sicurezza Sergio Bazzega, ucciso dalle Brigate rosse.

Agnese Moro Giornalista pubblicista collabora con il quotidiano “La Stampa” e il mensile “Madre”. Partecipa alle attività della “Rete degli archivi per non dimenticare”, promossa dal Centro di documentazione Archivio Flamigni di cui è socia. Con il libro “Un uomo così”, ritratto intimo e commuovente del padre Aldo, ha ricevuto il premio speciale Anna Maria Ortese nella XX edizione del premio letterario Rapallo-Carige.

Adriana Faranda Ex brigatista italiana, è autrice di una autobiografia, “Il volo della Farfalla”, in cui racconta gli anni trascorsi in carcere dopo l’arresto. Da anni è impegnata in un percorso di giustizia riparativa, narrato e analizzato nel volume “Il libro dell’incontro - Vittime e responsabili della lotta armata a confronto” pubblicato nel 2015 da Il Saggiatore.

Franco Bonisoli È stato membro della direzione strategica delle Brigate Rosse e del Comitato esecutivo. Prende parte al sequestro di Aldo Moro avvenuto in via Fani. Durante la detenzione nelle carceri speciali, attraverso degli incontri imprevisti, si apre in lui una voragine. Sembra la fine di tutto. Invece è l’inizio di una «seconda vita» che lo vede impegnato nella sensibilizzazione sul percorso di giustizia riparativa.

Giorgio Bazzega Figlio del maresciallo di pubblica sicurezza Sergio Bazzega, ucciso dalle BR il 15 dicembre 1976. Dopo il suo percorso personale si è appassionato ai temi della mediazione sociale e penale e della giustizia riparativa e ha iniziato a girare per scuole e convegni promuovendo questi strumenti. Si è formato come mediatore penale e sociale presso la cooperativa Dike di Milano e nello specifico con il Prof. Adolfo Ceretti e la Dott.ssa Federica Brunelli.

Condividi questo evento