Sa., 18. Sept. | Lugano

ERA MIO PADRE

Cosa significa crescere accanto al più celebre narcotrafficante della storia? Come si concilia la figura di uno spietato e sanguinario come Pablo Escobar, con quella di un padre padre affettuoso e premuroso? Solo suo figlio può raccontarlo.
La registrazione è stata chiusa
ERA MIO PADRE

Orario & Sede

18. Sept., 21:15
Lugano, Piazza Indipendenza 4, 6900 Lugano, Svizzera

L'evento

Cosa significa crescere accanto al più celebre narcotrafficante della storia? Un’infanzia segnata dal lusso, certo, ma anche dalle ripetute fughe, dalla necessità di nascondersi e dalla violenza. E come si concilia la figura di uno spietato e sanguinario come Pablo Escobar, con quella di un padre affettuoso e premuroso? Solo suo figlio può raccontarlo. La vita di Juan Pablo Escobar si intreccia come in un romanzo con una delle vicende criminali che più hanno segnato l’epoca moderna in Occidente, con la nascita del narcotraffico di cocaina, prima sull’asse Sudamerica Stati Uniti e poi nel resto del Mondo. Una storia di potere, terrore e sangue, soprattutto per la Colombia, ma oggi anche una straordinaria occasione di perdono e riconciliazione.

Sebastian Marroquìn, nato Juan Pablo Escobar, è un architetto. Primogenito del narcotrafficante più famoso del Mondo, dopo la morte del padre è stato costretto a consegnare tutti i suoi beni e ad abbandonare la Colombia per evitare ritorsioni. Cresce in Argentina con una nuova identità, dove si laurea e si ricostruisce una nuova vita. Dal 2014 è impegnato in un’opera riconciliazione per porre fine alla violenza e chiedere perdono per i crimini commessi dal padre. È autore e protagonista di numerosi libri e documentari.

Conferenza in spagnolo con traduzione simultanea a pagamento (10 franchi) fino ad esaurimento apparecchi.

La registrazione è stata chiusa

Condividi questo evento